La casa

E’ una tipica casa ticinese che si trova  nel nucleo del villaggio di Astano. Nella forma attuale è stata costruita nel 1885 sulle vestigia di edifici che appartenevano a un convento. La chiamavano “Casa Noce”. Secondo la cultura celtica il noce è l’albero della trasformazione. È proprio il nome più adatto, perché la casa, si trova in una trasformazione continua, sia nel suo aspetto interiore, sia nella sua lunga storia, sia per chi l’abitava.

Dopo l’acquisto nell’anno 1977 ho iniziato a ristrutturarla secondo i bisogni del momento. Volevo offrire a mio figlio Pascal e per i bambini in affido una casa dove potevano crescere e vivere serenamente, creare un punto di riferimento per noi in un paese vicino alla natura in un ambiente piacevole. Con questa casa ho realizzato un grande sogno: Riscoprire le mie radici d’origine e continuare in un'altra forma la passione e la professione di mio nonno e di mio padre. Mi permetteva di sfogarmi creativamente, di imparare e capire, che una casa ha una propria dinamica energetica che può essere un rifugio o una gabbia, che attira o che respinge. Scoprire la sua storia e creare la mia propria storia era interessante, ma anche una grande sfida. Quante volte l’ho lasciata e quante volte sono ritornata. Ogni volta che sono ritornata ho cambiato il suo aspetto interiore, con nuove forme, altri colori, spazi diversi, identificandomi completamente con essa. Un giorno, mi sembrava che la nostra storia fosse conclusa, mi sono distaccata ed ero decisa a venderla.

È stata un’altra casa, anch’essa con il nome “Noce”, e la sua storia a farmi riavvicinare alla mia casa di Astano e far nascere una nuova idea. Perché non metterla a disposizione degli artisti della regione?

Così nel 2009 abbiamo realizzato la prima esposizione. Esporre assieme con mio figlio Pascal nella nostra casa è stato personalmente un altro sogno realizzato.
Tanti visitatori hanno apprezzato il fatto di poter entrare in una casa ticinese e scoprire il suo fascino. Soprattutto gli anziani del paese ci hanno portato racconti divertenti del passato. La casa si presta molto bene per questa nuova attività e come vuole il suo vecchio nome “Noce” continua a trasformarsi anno dopo anno, con nuove storie e un nuovo nome...

„Casa ARTmISTI“

                                                                          Gyano S. Koch

Gabriela Maria Müller